accedi   |   crea nuovo account

Europei 2016

M'hai invitato a venì a vedè
er calcio alla tv su da te.
Io nun volevo famme giudicare
quanno 'n pallone vedo rotolare,
perché so 'nartro omo quanno tifo,
so l'ombra de un umano, faccio schifo!
M'accoji sur divano e attorno a me
piazzi li stuzzichini e un po' de the,
me pare quasi d'essere in tribuna
de cui nun ho dimestichezza arcuna
Accendi la tv a schermo nero.
granne come... un cimitero intero.
Me fai senti come un gran pascià
me trovo a dì : che cosa ce sto a fa!
Abituato ar mio vecchio mobilio,
me sento come er papa ar gran consijio!
Te siedi cor tuo garbo accanto a me,
indossi er tricolore come un collier.
E mo che la partita è iniziata
te strigni a me, sei quasi impaurita.
Io lo sono forse più de te,
t'abbraccio e nun domandà perché.
'Na vita ce sta sempre quarche cosa
che pe scacciarne n'artra è più 'mperiosa.
Comincio a stringette ed arrivamo ar dunque,
a partita può aspettà e poi comunque...
"Amò, me dici, stanotte cosa famo?"
" 'A rivincita amò, chi ce trovamo!"

 

0
0 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 30/06/2016 10:50
    a partita in corso... una sospensione nel tempo.. fallò fischiò l'arbitro.. per abbracci troppo stretti in area di rigore.. molto bella.. Circasso..
  • Don Pompeo Mongiello il 30/06/2016 09:16
    Vernacolo che lascia un po' a desiderà, per resto la trovo bellissima.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0