accedi   |   crea nuovo account

Dignità Perduta

Nei lontani giardini di periferia un forte grido
nero si espande nella notte, troppo limitrofo
per essere udito si calma nel vuoto, come
tante gocce si spengono e si confondo
in una infinita distesa d’acqua.

La mia forza d’animo sembra essersi
spenta, sprofondata come corpo pesante
negli abissi oscuri; in quelle tetre ore
notturne, la mia dignità è stata calpestata,
il mio corpo usurato lascivamente da foschi
corpi umani, hanno riempito il mio sguardo
di sola paura e fatto seccare il mio cuore.

Mi sento perduta, il dolore come un immensa
nube tossica mi avvolge e mi soffoca,
incapace di muovermi decido di rimanermene distesa,
come le foglie auttunnali cadono dai propri
alberi e si adagiano sul suolo
contiguo ad essi.

Nascosta in un desolato vicolo, spoglia di tutto, mi
accosto al muro, ormai inondato di sole mie lacrime,
mi soffermo e rifletto, ancora una volta il ricordo
di quelle freddi e avulse mani percorrono il mio
corpo e l’icubo sembra così ricominciare.

Scossa e smarrita in un pianto convulso, udisco
ancora una volta i laceranti colpi, che come tamburi,
battono sulla mia pelle ed il rumore dei vestiti strappati
di dosso mi fanno sprofondare in un
mare di vergogna;

Dinanzi a questa gigante e umida barriera di pietra mi curvo
su me stessa, ne più mai! seguiterò a condurre una vita normale,
perché finchè perdi la dignità di essere una donna,
una cretura celeste e unica nella sua forma è difficile
che si possa senza ali, riprendere
il volo verso la volta celeste.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Angela Maria Tiberi il 30/10/2007 15:56
    Veramente stupenda e toccante. Ama la vita anche se ci sono triste esperienze, ti prego continua ad amare.
  • Anonimo il 27/10/2007 20:10
    Favolosa;Edoardo, con tutta la sua crudele sofferenza, ma è proprio così che si sente una persona violata nella sua dignità, uomo o donna che sia.
    Complimenti, ci sono dei versi fantastici, La 3 strofa mi piace tanto, il finale anche.
    Sei proprio bravo, continua.
    Ciao Edoardo
    Angelica

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0