accedi   |   crea nuovo account

Che te credi

Ma che te credi, che sto a rosicà
perché hai trovato n'arto che ce sta?
Se te par l'ora de volè cagnà,
a porta è aperta, nun me fa aspettà.
Fai puro bene a dì a verità,
io nun te basto, nun ho vivacità,
vivo de sogni, so tenero, acconsenziente,
che lagna trattenermi inder la mente.
Lui te fa ride come 'na bambina,
te fa sentì come 'na regina,
sussurra all'orecchie tue bramose,
fa r'cascamorto in mille e più pose.
E tu nun hai nemmeno a dignità
de fa finì quello che deve fa,
j'hai buttato le braccia ar collo
e mò pretendi che anche io tracollo?
Ma nun me passa manco per cervello
de fare la figura d'un bel pollo.
Famo che se semo ormai lassati,
come nun ce fossimo mai desiderati.
Segui er tuo omo come fosse Dio,
c'ha 'n artra donna ce sto a pensà io!

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • silvia leuzzi il 04/07/2016 23:16
    Ma come sei bravo con il romanesco Circasso. Poesia adatta per gli stornelli
  • Gianni Spadavecchia il 04/07/2016 09:29
    Carina e simpatica la chiusa.
    Quando una relazione finisce è sempre brutto, ma bisogna essere onesti.
    Piaciuta.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0