PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il Santo

Te sto a pregà da sera a la matina
pe quer favore che me preme assai
T'accesi puro na piccola lucina
Ma de risposte nun ne ebbi mai.

Vabbè, nun sono proprio religioso
vivo tra gente der malaffare,
ma, a te, de maltrattare mai non oso,
so bene che c'hai troppo che fare.

A me serviva, onnipotenza tua,
to dico pe fattelo arricordare,
da diventà na presenza assidua
quanno le banche i sordi vonno conteggiare.

Solo n'occhiata e sai beneficenza!
Li poveri pe solidarietà
si avessi in mano tutta sta creanza
magnerebbero tutti a sazietà.

Come? Che dichi? Perché nun m'arrisponni?
Nun parlo forse de cose umanitarie?
Si dentro sta statua te nasconni
sei Santo sol pe cose seconnarie.

Caro figliolo, rispose il venerato,
qua m'han rinchiuso per non sentire te
che parli come fossimo al mercato,
questa, di Dio l'abitazione è.

E poi, ascolta bene figlio mio,
te lo dirò in forma molto cruda
hai suscitato un iradiddio
ma il Santo è di marmo e non suda!

 

1
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 06/07/2016 16:49
    SEnza prenne in considerzione er romanesco, che lassa a desiderà, so de Boccea e so che dico, er resto po' pure annà.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0