PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Nun sò romano

Nun so romano e ve lo vojo di,
nun so laziale e nun lo vojo fa,
so rispettoso dell'artrui cultura
parlo un romano da caricatura.
Perché me piace morto l'inflessione
c'avete in ogni vostra discussione,
rende l'idea 'n vernacolo siffatto
forse pe questo me ne sento attratto.
Canzonatorio, ironico, ammiccante,
de qualità ne ha davvero tante!
A me che nun me piace scrive de fino,
a vorte me fa sentì 'n po' Pasquino,
e quanno a vanità ar core bussa
me piacerebbe d'esse come Trilussa.
Perciò, amichi miei, nun va prennete
si quarche stonatura ce trovate,
pe esse barbaro sono già evoluto
e nun posso che curà l'anacoluto!
Ho messo tutto nder 'n granne calderone,
tra poco parlo romano come Cicerone.
Ma poi che serve solo de parlà
Si nun c'hai idee da manifestà !
Punitemi pe quello che non dico.
e nun perché nun parlo romano a menadito.
Pe quanto poi riguarda ortografia
giuro, me farò seguì da na mi zia,
e infine, pe la punteggiatura,
farò attenzione, ce metterò più cura.
Insomma torno a scola de italiano,
ma... nun ero io a volè parlà romano?

 

2
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 07/07/2016 07:42
    sì il dialetto romano.. come molti altri dialetti.. ha una bellissima sonorità .. canzonatoria ironica ammiccante... bravo Circasso.. Ma poi che serve solo de parlà
    Si nun c'hai idee da manifestà !

1 commenti:

  • silvia leuzzi il 07/07/2016 23:23
    AHAHAHAHHAH ma sei simpatico Circasso er romano che non è de Roma, ma che parla romano mejo de uno de Roma, forse ce mette quer core che a noi hanno fottuto, così come le strade der centro storico che so musei piene de guai e de monnezza. Povera Roma mia che amo tanto, chi te po' coregge tra de noi ormai tutti sperduti tra i paesi del litorale dove se semo comprati na casa che a Roma solo li stranieri. Come vedi, amico mio, me so fatta pija la mano a parla' romano, e pure con na rima sgangherata ce daremo la mano, che tanto la poesia se la so giocata a tresette cor morto e a noi nun ce resta che canta' ar Ponentino che se arzi pe' stanotte e ce faccia dormì un pochettino.
    Ahahhah ho giocato un po' ciao amico simpaticone

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0