accedi   |   crea nuovo account

Pensare il mare

Una notte mi svegliai
Immerso in una blanda luce
Il sonno non trovò me ed io lui non trovai
Non desideravo di dormire ma per l'anima mia un po' di Pace

Mi tornò in mente il mio cuore di tenebra
Perso nei fumi di grigi pensieri
Mi sentivo trascinato in una danza macabra
Danza popolata di figuri completamente neri

Come un vecchio marinaio nella soffusa luce io mi sentivo
Un marinaio dalla vita segnata dal mare
Tra le onde dei miei pensieri io navigavo
Una luminosa brezza mi permise di navigare

Navigare là dove finisce la terra e comincia il mare
Su di una vecchia barca a remi a remare cominciai
Dall'occhio del faro mi lasciai guardare
Anch'io guardai il faro e lo strano viaggio cominciai

 

2
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 23/07/2016 15:12
    Molto piaciuta ed apprezzata questa tua straordinaria.
  • Rocco Michele LETTINI il 10/07/2016 13:02
    QUANTINE VERACI QUANTO OCULATE.
    IL MIO ELOGIO E LA MIA LIETA DOMENICA PAOLO.
    *****

2 commenti:

  • Gianni Spadavecchia il 10/07/2016 14:33
    Immagini che attirano, a parer mio, l'interesse del lettore persuadendolo non solo a continuare a leggere ma ad immedesimarsi al meglio.
    Bella.
  • Luigi Lucantoni il 10/07/2016 13:57
    "cuore di tenebra", "danza macabra", ci volevano termini più originali

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0