username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Ode per gli amici che non ci sono più

Che tu sia stato un saltellante e,
arf arf, ossessivo cagnetto,
oppure un languido
e panteroso micio;

che tu sia stato pesciolino,
in iridescente,
vetrosa vasca, oppure
silente, ma tenace tartaruga;

che tu sia stato coniglietto
dal nasin fremente, o
della voliera ospite gentile
e cantante apprezzato;

che tu, in qualsivoglia forma,
sia stato amico
leale, sincero, tenero e fiero…

ora che non ci sei più,
almeno non fisicamente,
vivrai in eterno,

nel mio cuore, nella mia mente…

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

17 commenti:

  • DOMENICO DE MARENGHI il 18/06/2008 13:17
    L'idea è buona, andrebbe "strutturata" meglio, decantata dai sentimenti personali (appunto perché è poesia...) e potrebbe nascere un quadro consono ai nostri piccoli amici che purtroppo campano pochi anni o finiscono uccisi sotto le auto o da persone con pochi scrupoli. Ti invito a leggere, se ritieni necessario uno "spunto"al riguardo, due opere presenti in questo sito: "Anche i gatti hanno l'anima" e "L'ingozzata".
    Un voto di incoraggiamento?: 8 1/2.
  • lupoalato maria cannavacciuolo il 23/05/2008 19:40
    Emozionante... Dolcissima che carino!
  • Marco Vincenti il 01/04/2008 00:48
    Anche questo è amore... quello vero!
  • A. il 06/01/2008 09:07
    tenerissima questa dedica agli animali... forse le uniche creature che sanno donare affetto senza voler niente in cambio; bravissimo come sempre luigi... a rileggerci.

    A. M.
  • Sari Koon il 07/12/2007 17:22
    Molto carina... Apprezzo soprattutto il messaggio che c'è dentro, o almeno quello che ho colto io personalmente. Anche se gli animali hanno una soglia di mortalità assai nferiore alla nostra, ci rimarrà per sempre la loro lealtà, sincerità, tenerezza e fierezza. Bravo, condivisa al cento per cento, 10
  • Michelangelo Cervellera il 01/11/2007 20:37
    Ho avuto un tot di amici pelosi nella mia vita e quando sono mancati ne ho sofferto molto, ora che ho una stupenda lupa, cagnaccia viziata, non oso pensare quando mi mancherà. Deliziosa poesia. Amare gli animali non vuol dire non amare le persone. Bravo come sempre Gigi. Michelangelo
  • Anonimo il 30/10/2007 22:31
    Poesia molto sentita, visto che sono un'amante degli animali, e grazie anche alle mie due gemme, in casa ho un piccolo zoo.
    Ho provato il dolore della perdita del mio amato gatto Tigre e della mia gatta siamese Sammy, ancora sento le loro fusa che sanano le mie ferite.
    A volte si sente dire, ma perchè tutto questo amore che si ha per gli animali non si proietta verso altre figure, ma io dico che l'amore per gli animali non esclude l'altro amore, anzi chi è capace di tanto sentimento anche per gli animali, nè ha tanto anche per le persone, basta leggere qualcosa di Gigi per capire che nel cuore c'è tantissimo spazio, e uno non esclude l'altro.
    Sai Gigi forse una delle mie prossime poesie sarà per il mio amato Tigre, grazie per lo spunto.
    Ciao.
    Angelica
  • Maria Lupo il 29/10/2007 15:35
    Beh, non è che chi non li ama particolarmente debba essere insensibile e certamente non è il mio caso. La tenerezza del "fagottello" mi riesce più facile provarla con i bambini. Comunque non volevo certo dire che odio gli animali nè che ne ho sempre paura... non ho confidenza, ecco. I gatti, per esempio, mi piacciono e li ho anche tenuti spesso in braccio
  • Ezio Grieco il 29/10/2007 12:32
    ... si denota un'animo sensibile.
    ... e chi ama gli animali... lo è!
    mikelus
  • luigi deluca il 29/10/2007 05:33
    mi dispiace per te, Maria, non sai cosa hai perso, non avendo un fagottello peloso fra le braccia che ti lecca e ti guarda con occhi sinceri, non sai cosa ti sei persa, non vedendo, giorno dopo giorno un amico leale camminarti fra i piedi, a rischio di farti inciampare, per farti sapere che lui è lì, ti è vicino... ma sei sempre in tempo, adotta un cagnetto randagio o un gattino salvato dalla morte... e mi ringrazierai...
  • Maria Lupo il 29/10/2007 01:17
    C'è qualcosa che mi sfugge... forse perchè non amo abbastanza gli animali(purtroppo sono stata abituata ad averne paura). Ma forse questi animali sono metafore di persone, o di una persona... Nell' insieme mi piace.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0