accedi   |   crea nuovo account

Giochiamo?

Me sa che voi giocà co lo scopo
de fare tu er gatto ed io er topo.
Ma io non so 'n sorcetto sprovveduto
so granne, grosso ed anche 'n po' canuto.
Ce lo so bene come evità
la trappola der gatto che me vo magnà.
An vedi quanto sei pischellina,
te pensi che te creda poverina!
Mò non mi ami, non m'hai mai amato
solo 'n amico m'hai considerato.
Ma io te sento a me morto vicina,
quanno ce sei s'accenne a lampadina,
me parli ar core come sa far chi
sa che l'amore abita ormai li.
Lo voi negà pure a te stessa?
Sei cotta, amò, e nun sortanto lessa.
Che poi tu ce abbia l'affari tua
e voglia apparir come 'n ingenua,
nun toje che me possa amare
senza per questo volerlo ostentare.
Giochi co te, co a tua serenità
e nun capisco io che ce sto a fa.
Ma er topo no! Tra le tue grinfie io
farei dell'altro, perdoni er Buon Dio,
che farmi prennere pe li fondelli
da gatti in carenza di cervelli!

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • silvia leuzzi il 11/07/2016 19:20
    AHAHAHHAHHH ma sei geniale devo far leggere queste cose tue a una mia amica cabarettista, imitatrice e cantante romana de Roma dal nome Minnie lo Strazio - e ho detto tutto! GRANDE CIRCASSO

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0