accedi   |   crea nuovo account

Dio mio... Dio mio

Se oggi incontrassi Dio
gliene direi quattro...
educatamente,
ponderatamente,
espressivamente
su quanto osservo
quotidianamente.

Non ho più la forza
a tollerare
il vedere
la sofferenza,
l'indifferenza,
la prepotenza,
la sfacciataggine.

Corsi di sangue,
ferite non cicatrizzate...
E Lei, mio Buon Dio
non muove un dito,
le piace guardare?,
le piace lasciar operare?,
Hanno insegnato tutt'altro!

Scusi, non credo
che presti la vista
per divertirla?
Ha un cuore spinato?
Lo presumo!
Ha un volto lacrimante?
Lo penso!

VOGLIO dirle
solamente
nell'aldilà,
avere sempre
sotto gli occhi
irreprensibili e...
incivili

vedrà sempre,
come oggi
il piangere
il ridere,
il soffrire,
il tripudiare!
DIO MIO... DIO MIO

Lasci
un mondo di gioia.
Lasci
attimi di gaudio.
E tutti
saremmo allora
FRATELLI.

Un'ultima cosa
strappi
il vile denaro.
E tutti
non si sbraneranno
per esso.
DIO MIO... CHE NE PENSI?

 

2
2 commenti     5 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

5 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 12/07/2016 18:17
    Piglietale con il vicino, con il collega o chi incontri a caso, ma lascia Dio in pace.
  • silvia leuzzi il 12/07/2016 15:52
    Ho una visione molto laica della vita ma non per questo meno spirituale, perché ognuno ha un sentire nel quale trova forza e motivazioni per affrontare le difficoltà. Caro Rocco pur trovando bellissima la tua poesia, trovo che l'uomo in ogni tempo ha chiesto conto a Dio della malvagità e delle vicissitudini, la Bibbia è piena di questi racconti, del resto Cristo è morto ingiustamente, come tutti coloro che perseguono la giustizia e la verità in ogni tempo.
    complimenti per la poesia
  • Vincenzo Capitanucci il 12/07/2016 09:15
    Caro Michele conosci la risposta data a Giobbe.. dove eri tu.. quando IO..
  • Circasso il 12/07/2016 08:31
    Domande lecite di chi nella liceità vive! Risposte scontate da chi osserva. Non abbiamo bisogno ne dobbiamo pretendere che sia Dio a toglierci le castagne dal fuoco. Dobbiamo migliorare con le capacità che ci ha fornito. In fondo il premio non è da poco, il Paradiso.
  • Gianni Spadavecchia il 12/07/2016 08:23
    Poesia da un lato simpatica poichè sdrammatizza la situazione attuale in cui viviamo e dall'altra parte critica.
    Io non credo in Dio e quindi posso affermare che la vera colpa è nostra e, anche se credessi in Dio, affermerei tale considerazione.
    Serena giornata.

2 commenti:

  • Fabio Mancini il 29/07/2016 16:01
    Sarebbe stupendo se Dio in persona ti rispondesse! Battuta a parte, mi è piaciuta l'impostazione che hai dato al tuo scritto. È profondo e gentile. Comunque, se la cosa ti può rassicurare, anch'io sono piuttosto turbato per gli ultimi eventi. Un sorriso gentile. Fabio.
  • Maria Rosa Cugudda il 13/07/2016 11:21
    Lui c' è sempre, siamo noi assenti o indifferenti!
    profonda lirica, bravo Rocco.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0