PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Bilancio

Verso a fine de sta vita, dice,
se fa 'n bilancio inder la cervice,
si l'hai trascorsa bene o indegnamente
oppure se a te nun è fregato niente.
A me nun me ne frega de st'esame
nun fui abilitato a fa l'infame.
Vissi la vita così, come veniva,
core e ragione in alternativa.
Ho fatto anche io er mi peccato,
granne direi, e sempre reiterato.
'O porto come un peso dentro ar core
ma a di la verità senza dolore.
Vo dico senza alcuna afflizione,
che sto a parlà da fornicazione.
Quanno iniziai ero liceale
si n'ho facevo me sentivo male,
poi migliorò all'università...
du vorte ar giorno potevano bastà.
Co a moje è 'n fatto abituale,
co a cammeriera un po' più eccezionale.
D'a segretaria a l'addetta stampa
dovetti passà nun ce se scampa.
Puro l'edicolante ogni matina
voleva na ripassatina!
Io ce mettevo amore e quarcos'artro,
ma a dire er vero era 'n disastro!
E si, lo so, so tanti i miei peccati
e nun li ho mai giustificati,
ma io volevo solo fa l'amore,
magari squallido ed anche incolore.
C'ho da pensà de chi ammazza e 'mbroja,
lassamo sta, me sta a venì na... voja...

 

3
0 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • vincent corbo il 13/07/2016 06:34
    Questa poesia, per associazione, mi fa pensare al grande Tomas Milian, er monnezza. Molto gradevole.
  • sılɐɹʇsnɐ snɐʞ il 12/07/2016 13:11
    VerZo 'a fine de sta vita, dice,
    se fa 'n bilancio inder la cervice,
    si l'hai trascorZa Bbene o 'ndegnamente
    oppure se a te nun è fregato GNEnte.
    A me nun me ne frega de st'esame
    nun fui aBbilitato a fa l'infame.
    Vissi la vita così, come veniva,
    core e raGgione in alternativa.
    Ho fatto anch'io 'r miO peccato,
    granne direi, e sempre reiterato.
    'O porto come 'n peso deREnto ar core
    ma a dì la verità senza dolore.
    V'o dico senz'affliZzione ARCUNA,
    che stò a parlà da fornicazione.
    Quanno iniziai ero liceale
    si nUN LO facevo me sentivo male,
    poi migliorò all'univerZità...
    du vorte ar giorno potevano bastà.
    C'a moje è 'n fatto aBbituale,
    c'a cammeriera 'n po' più eccezionale.
    D'a segretaria a l'addetta stampa
    dovetti passà nun ce se scampa.
    Puro l'edicolante 'gni matina
    voleva 'na ripassatina!
    Io ce mettevo amore e quarcos'artro,
    ma a dire er vero era 'n disastro!
    E sì, lo so, sò tanti LI PECCATI MIA
    e nun l'ho mai giustificati,
    ma io volevo solo fa l'amore,
    magari squallido e incolore PURE.
    Ciò da penzà de chi ammazza e 'mbroja,
    lassamo stà, me stà a venì 'na... voja...

    MORTO SIMPATICA CIRCà... PERò HAI DA STUDIà!!!
  • Rocco Michele LETTINI il 12/07/2016 09:31
    Un piacevole vernacolese che rende riflessiva quanto ponderabile il tuo straordinario verseggio.
    lieta giornata.
  • Vincenzo Capitanucci il 12/07/2016 09:24
    molto bella Circasso... se i peccati fossero quelli... C'ho da pensà de chi ammazza e 'mbroja,
    lassamo sta, me sta a venì na... voja... simpaticissima..

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0