accedi   |   crea nuovo account

Ascolto

È tornato ieri
il silenzio del lago
fatto di voci rimaste
sulle sponde delle isole
prigioniere delicate da liberare
nelle danze lontane
della passione e della
melanconia

solo attraverso il ballo
si seguono i sogni del corpo
quel suo volere essere ostinatamente
con la testa mozzata
o forse semplicemente perduta

e questo nostro essere ultimi
senza parole
raccoglie la sfida della voce
armonica preghiera
che ancora rimane nell'ascolto.

 

3
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 13/07/2016 09:03
    bellissima.. quel perdere la mente (silenzio ).. per darsi all'ascolto.. e al ballo nel corpo.. di quelle isole lontane..
  • Rocco Michele LETTINI il 13/07/2016 06:20
    SEMPRE INTELLIGENTI SEQUELE ROBERTO CHE IMPONGONO A RIFLETTERE

1 commenti:

  • Rocco Michele LETTINI il 13/07/2016 06:19
    UN REALE VERSEGGIO DAL QUALE SI EVINCE TUTTO L'ASSURDO CE HA MUTATO IL TRASCORRERE DEL TEMPO.
    ELOGIABILE GIORNATA ROBERTO.
    *****

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0