accedi   |   crea nuovo account

Sogni senza confine

I sogni che te nascheno dar core
e crescheno colorati come 'n fiore
nun sono fatui, 'n immaginazione
ma della realtà, anticipazione.
Prenni na sera ar Pincio, a Roma mia
accenni a luna nella prateria
d'un cielo blu che ospita le stelle
sceji con cura quelle, le più belle.
Poi lassa score er ponentino
fra li capelli de chi te sta vicino,
una carezza dai a la città
che, 'n curiosita, resta ad osservà.
E nun me di che sta situazione ambita
nun l'hai mai sfruttata 'na vorta nella vita!
È er frutto d'un sogno e nun der caso
pe certe cose nun poi annà a naso!
E che all'omo pare tutto realtà
ciò che vorebbe da realizzà.
E, 'nvece sono sogni assai sofferti
fatti cor core ma co li occhi aperti.

 

1
0 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 14/07/2016 02:56
    Ponderato distico di chiusa che avalla l'intiero straordinari decanto.
    Lieta giornata.
    *****
  • Vincenzo Capitanucci il 13/07/2016 08:58
    I sogni ( provenienti dall'anima ) ... nun sono fatui, 'n immaginazione
    ma della realtà, anticipazione...

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0