PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Nizza

Quella città
che al nostro Garibaldi
i natali diede
e ne andava fiera,
un pazzoide africano
in veste di Dama nera
mietuto a suo modo
il grano ha,
portandosi con se
non fieno,
ma soprattutto erba ancora verde.

 

1
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 16/07/2016 08:09
    che orrore... vedere questa strage.. in una città da me così tanto amata... famosa per la sua baia degli angeli... in verità pur essendo semi-francese... non ho mai festeggiato un 14 luglio.. l'ho sempre vista come una festa del terrore.. anche se era un liberarsi dalla egemonia dei nobili e del potere della chiesa.. a profitto certo della nascente borghesia più che del popolo.. mi ha fatto strano.. aver scritto il giorno prima di Moby Dick.. e ritrovarlo il giorno dopo o la sera stessa sotto la forma di un Tir bianco.. portandosi con sé
    non fieno,
    ma soprattutto erba ancora verde.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0