accedi   |   crea nuovo account

Sangue e paura

Parole rubate
ai confini del tempo.
Quante albe e quanti tramonti
hanno dipinto il grigiore dei giorni.
Ma non basta più...
la pace è sconfitta.
Gli uomini sono sempre troppo soli
tra i misteri del firmamento.
Quanti silenzi
lassù in cielo...
tra le mani di Dio.
Chissà se
avrà ancora tutta questa voglia
di abbracciare i nostri peccati.
La torre trema...
sussulti paurosi...
una catena che si spezza.
Ogni anima resta
con un pugno di sabbia in mano
Non vi è Paradiso che accolga
tutto questo orrore.
Gli angeli scappano
nel buio delle anime.

 

1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 17/07/2016 11:19
    UN ESAUSTIVA QUANTO RIFESSIVA SEQUELA POETICA.
    IL MIO LODEVOLE GIUDIZIO ALFREDO.
    *****

2 commenti:

  • Alfredo Di Cola il 17/07/2016 22:58
    grazie amici miei, penso che sia un periodo molto difficile nel quale tanta gente non si rende conto che stiamo a tutti gli effetti dentro una guerra... una guerra non territoriale ma dai confini indefinibili e per questo incute ancora più timore
  • Gianni Spadavecchia il 17/07/2016 10:48
    "la pace è sconfitta". Penso non ci sia frase più significativa.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0