accedi   |   crea nuovo account

'Na canzuncella

Te vojo dedicà sta canzuncella.
Da quanno m'hai lassato in testa frulla,
ma a te c'ancora sei la mia bella
credo che proprio te ce vada a palla.
Accordi teneri e languide parole
che te dicevo quanno er sole more.
Volevo vive sortanto accanto a te
e mò me trovo seduto sur... bidet.
Tu m'hai lassato perché te ho tradita,
co 'na gatta che poi ho sterminata,
pe fa "n'esperienza de vita",
me trovo a mia ormai sdrumata.
Te chiesi scusa, ma la tua virtù
se fece scrupoli de poca serietà.
La tua sentenza infine fu
de nun accordarme 'na possibilità.
Allora uso questa canzuncella
pe aprì 'na piccola finestrella,
pe ditte che il miglior pregio dell'omo
è sapè usà l'arma der perdono.
Si la vorrai ascortare attentamente,
potrai capì che t'amo immensamente.
Se non la voi cantà farà lo stesso,
n'omo come me è solo 'n cesso!

 

1
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 18/07/2016 09:07
    Musicarla sarebbe l'ideale. Farebbe centro con la sua dialettica romanesca.
    LIETA SETTIMANA.
    *****

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0