accedi   |   crea nuovo account

Quando eravamo giovani

Io e Ciccio ci rispettavamo
e Dio solo sa cosa vuol dire rispetto
due ragazzini, noialtri, Ciccio ed io, col cazzo duro sotto la luna pallida del sud
e Ciccio voleva fare l'attore, ce la sapeva lui a interpretare ruoli
nella terribile tragedia della vita
io non volevo fare nulla, volevo solo guardare la cose,
non entrarci, mi faceva troppo male.
La sera ci chiudevamo a casa sua a bere
fumavamo erba
parlavamo di fica
e pensavamo alla morte come qualcosa di troppo lontano da noi.
La morte ti prende, qualche volta, quando sei giovane
te la senti entrare nelle unghie dei piedi o sotto il palato
la morte ti dice che quella felicità è solo un passaggio transitorio
ti spiega dei suicidi e delle squallide notti da solo in una stanza
te la mette in culo per qualche minuto, la morte,
interferendo con la liscia frenesia della tua gioventù.
A Ciccio non lo vedo da diversi anni
è stato a Milano a farsi di coca e fottersi graziose giovinotte
io invece mi sono ucciso dentro
e delle volte ripenso a quei momenti
quando eravamo giovani
e mi prende come una nostalgia che non è tanto una nostalgia
è qualcosa che somiglia più all'angoscia
perché nell'amicizia, cristo d'un dio, nell'amicizia e nell'amore
non è possibile, nell'amicizia, non vedersi e non sentirsi più
è un reato, un crimine, è la più triste delle indegnità, miseria bastarda.

 

4
1 commenti     5 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

5 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 19/07/2016 15:06
    Straordinario, tra il Pavese dei Mari del Sud e la Beat generation, nella prima parte. La seconda è più personale, ma altrettanto e più efficace nel colpire allo stomaco e al cuore. Sei veramente bravo.
  • Rocco Michele LETTINI il 19/07/2016 09:33
    NOSTALGICO ET ENCOMIABILE RACCONTO.
    LIETA GIORNATA FERDINANDO.
    *****
  • andrea il 19/07/2016 07:21
    mi hai fatto ricordare la mia di gioventù , quanti amici dispersi, quanti ricordi ed il dubbio di aver potuto fare di più e non averlo fatto, gran bel scritto, piaciuto.
  • vincent corbo il 19/07/2016 07:06
    Mi piace molto questo pezzo, sembra molto diverso dal diario, nel senso che sembra scritto da una persona diversa.
  • Vincenzo Capitanucci il 19/07/2016 06:43
    io invece mi sono ucciso dentro
    e delle volte ripenso a quei momenti
    quando eravamo giovani
    e mi prende come una nostalgia che non è tanto una nostalgia
    è qualcosa che somiglia più all'angoscia..

1 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 19/07/2016 06:48
    il peggio o il meglio è che si rimane sempre giovani dentro...è solo il corpo che invecchia.. in una mente sempre più stanca.. che vede ogni cosa sfilare via... Amicizie.. Amori...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0