PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Resta solo il terrore del regresso

L'eco del regresso, della paura, della violenza
arriva con il vento del deserto,
alimentato da Occidente.

Come la sabbia ottura l'acquedotto
e non più acqua dal rubinetto,
così non più libri, la biblioteca è bruciata,
la Cultura è polvere mista a sabbia macinata.

La Giustizia è una donna, va stuprata,
tacitata, rinchiusa dietro sbarre e cancelli
senza più un riparo, senz'ombra d'ombrelli.

Resta solo il terrore del regresso,
che mascheriamo di squallido sesso,
che chiude la vita umana e i suoi valori
dentro un lurido e sporco cesso.

 

l'autore silvia leuzzi ha riportato queste note sull'opera

In merito a quanto accade intorno a noi e nel mondo.


5
4 commenti     7 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

7 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Gianni Spadavecchia il 31/07/2016 10:55
    Poesia forte e molto incisiva. Ho apprezzato maggiormente il paragone, calzante, tra donna e giustizia, stuprata ed imprigionata senza più difese;un'altra cosa che ho avuto modo di apprezzare è stata la scioltezza e la scelta di utilizzare le rime che rendono la poesia più facile da leggere e comprendere visto il tema serio che tratta.
    Bella!
  • frivolous b. il 26/07/2016 14:12
    beh c'è tanta roba... forse un po' della complessità del tema ne è esclusa... ma nel complesso un lavoro davvero pregevole!
  • Don Pompeo Mongiello il 25/07/2016 07:21
    Un plauso floreale estivo per questa tua sublime.
  • Anonimo il 23/07/2016 14:08
    Noi saremo ciò che i terroristi vogliono far evacuare dentro il cesso dell'incapacità di difenderci (Anche noi potremmo gridare " Dio è grande", mentre risuona l'eco della Marsigliese intorno al palco della ghigliottina). Un razionale commento all'attuale situazione il tuo testo, Silvia. Mala tempora currunt... Cave canem della violenza!
  • Rocco Michele LETTINI il 23/07/2016 10:22
    ACUTI CHE CHIEDONO CELERI MEDITAZIONI... PER UN MONDO MIGLIORE... PER UN MONDO D'AMORE...
    SUPERLATIVI QUANTI OCULATI VERSI.
    IL MIO ELOGIO E LA MIA LIETA FINE SETTIMANA SILVIA.
    *****
  • Vincenzo Capitanucci il 23/07/2016 07:43
    sarà il terrore.. a farci aprire una nuova porta evolutiva..? Sembra di sì .. perché l'Amor non seppe..
  • vincent corbo il 23/07/2016 06:39
    Nessuno immaginava, qualche anno addietro, quel che sarebbe successo, il regresso appunto. La violenza, la morte della cultura, la tecnologia complice del baratro che ci sta inghiottendo. Forse tutto ciò è un processo naturale che potrei definire "le montagne russe dell'umanità".

4 commenti:

  • silvia leuzzi il 23/07/2016 19:25
    Grazie Fabio e grazie Michele, davvero brutti tempi.
  • silvia leuzzi il 23/07/2016 08:05
    Grazie a Vincenzo e a Vincent, il primo ottimista ( beato te! ) il secondo positivista e non positivo ovvio.
    Non so amici da donna questa storia mi mette a dir poco terrore, perché per noi l'evoluzione è ancora tutta da venire, per il momento quello che siamo riuscite a ottenere è molto poco, dal momento che, soprattutto nella civilissima Italia, le donne muoiono a centinaia per mano del compagno, che ancora si crede detentore della vita e della morte della sua donna. Figuriamoci se a tutto questo aggiungiamo le religioni.
    In tutto questo casino i semplici moriranno e patiranno, i potenti continueranno a essere potenti e il nostro sogno d'uguaglianza rimarrà un fottutissimo sogno J've a dream e tale resta caro Martin, non trovate? Che tristezza
  • silvia leuzzi il 22/07/2016 19:12
    Grazie Maria Angela buona serata a te
  • maria angela carosia il 22/07/2016 17:47
    Purtroppo è proprio così. Molto sentita davvero. Buona serata

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0