accedi   |   crea nuovo account

Dopo dieci anni

Dopo dieci anni
vieni a disturbare il mio sonno
e ti ricordi di me
con le tue scuse tardive
che mi sorprendono
e mi uccidono,
ma che c'è mai da ricordare,
quegli anni verdi solo per gli altri?

E che senso ha ricordare il suono del tuo nome,
che mai ho dimenticato,
ora?
Il suono del tuo nome storpiato, così dolce.
Tu che solidarizzavi coi miei carnefici
e ti ritieni colpevole,
io che cercavo, inutilmente, il bandolo della matassa.
Ma quale filo, legame, sentire comune?
Tu che capisci bene gli altri e un po' meno te stesso,
io che flirto con me stesso
e faccio a pezzi tutto il resto.

Si parla di lavoro, morte e amore...
cose astratte per carità!
Ma alla fine tutto è inutile,
e infatti sei già sparito.

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • frivolous b. il 01/08/2016 15:22
    grazie cari
  • Gianni Spadavecchia il 31/07/2016 10:49
    Un ritorno che si è (ri)dimostrato assente.
    Poesia un po' triste.
  • silvia leuzzi il 27/07/2016 11:54
    Anche dopo dieci anni il male e il dolore fanno sentire le loro punte acuminate. Un abbraccio dolce Fri

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0