accedi   |   crea nuovo account

Ovunque vedo facce

ovunque vedo facce
facce di gente che ha già le budella puntate dritte verso l'inferno
e queste facce mi ricordano la solitudine
e il delirio
e la miseria
e lo scolo
e le donne
passate
o solo quelle sognate sporadicamente
e le partite di basket da ragazzo
quando avevo ancora dentro al corpo una gran dose di birra
ma non conoscevo la poesia;
la poesia è venuta dopo
come il grasso
e i denti grigi
e la barba
e la poesia ha limitato la mia follia,
ha fatto sì che non sbroccassi completamente.
e quando vedo queste facce
-le facce del mondo
le facce della società-
è come se nessuna morte fosse veramente triste
quanto la morte che puoi trovare nella vita;
gli uomini mi danno la morte
e io ho poco da dare agli uomini
se non una sofferenza
sottile
che sputo fuori nella poesia
come un vomito giallastro
che non si rinsecchisce
mai

 

0
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • frivolous b. il 01/08/2016 16:14
    bella, bellissima... altre parole, o commenti sarebbero superflui!
  • Rocco Michele LETTINI il 01/08/2016 12:57
    NON RESTA CHE FARNE TESORO DEL TUO SAGACE VERSEGGIO.
    *****

1 commenti:

  • silvia leuzzi il 29/07/2016 23:59
    Piena di immagini forti che scuotono il lettore. Un abbraccio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0