PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Vivo nella cecità dell'insoddisfazione

Credevo bastasse sopportare,
ma un nodo scorsoio
avviluppa la gola.

Voglio scappare senza volare.
Voglio godere senza soffrire.

Credevo fosse giallo il semaforo
e accettavo che si andasse piano.

Mi sbagliavo era rosso
e mi sono fermata del tutto.

La senilità ha occhi profondi,
incavati e sommersi di pelle,
vengono da lontano e guardano vicino,
senza futuro si resta al presente.

 

1
4 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 02/08/2016 16:17
    Un plauso floreale e ben meritato per questa tua eccezionale.
  • frivolous b. il 01/08/2016 15:23
    È una poesia particolare, quasi ermetica. con questa danza "triste" del tempo... però davvero molto affascinante!

4 commenti:

  • silvia leuzzi il 01/08/2016 22:40
    Grazie a tutti per gli apprezzamenti a questi poveri versi. Buona settimana a tutti
  • maria angela carosia il 01/08/2016 22:11
    Sentita moltissimo. Bravissima Silvia
  • Anonimo il 01/08/2016 17:06
    Ben introspettiva, signora silvia. Piaciuta assai.
  • Rocco Michele LETTINI il 01/08/2016 12:38
    UN TORMENTATANTE SOFFRIRE IN LECITI ET ECCEZIONALI VERSI.
    "Voglio scappare senza volare.
    Voglio godere senza soffrire".
    UN AVALLO SPECIALE AL TUO ACUTO VERSEGGIARE.
    SERENA SETTIMANA SILVIA.
    *****

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0