PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La Marescialla

Quanno t'ho preso eri 'na farfalla,
tu me dicesti si a Caracalla,
poi nun parlasti più, te stavi muta
ed io pensai che fossi contenta.
Se semo fidanzati ed io ho pagato
perché magnavi solo cioccolato.
Tutte 'e dorcezze che trovavi in giro
te le magnavi con un gran sospiro.
Io te guardavo e me pareva che
nulla è più dorce se nun penso a te.
Cor tempo poi ce semo maritati
e in mezzo 'a la folla d'invitati
a muso duro come un alieno
gridasti "Amò, devi magnà de meno!".
'Nce feci caso, nun era l'occasione
p'avè la prima granne discussione.
Sarà stanca la mia poverina
lei se strafoca e a me fa 'a romanzina?
Come cambiò da allora a vita mia!
prima magnavemo solo cioccolate,
ora solo calci, pugni e bastonate!
De giorno me parea de sta 'ntrincea,
de notte puro co la contraerea,
tu a comannare ed io ad obbedì,
'a chiami amore questa roba qui?
'O zucchero che avevi più de tante
è diventato un dorcificante.
Mò nun sei più l'anima gemella,
sei diventata una... Marescialla!

 

1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 02/08/2016 11:48
    SATIRA ECCELLENTE CHE TI ELEVA POETICAMENTE.
    IL MIO ELOGIO E LA MIA LIETA GIORNATA.
    *****

2 commenti:

  • Bruno Gasparri il 02/08/2016 16:53
    molto sottile e divertente.
  • silvia leuzzi il 02/08/2016 15:59
    Addirittura na Marescialla? L'anima gemella forse non esiste, esiste quella che è a noi compatibile e già lì è un'impresa.
    Comunque sei sempre simpatico ahahhah ciao Circasso

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0