accedi   |   crea nuovo account

Un pazzo

odore di fagioli e di bietole fredde.
i moschini del vino sono figli di un Dio misterioso.
i fagioli hanno un ché di terribile,
come la vita
o l'odore delle bietole la mattina presto.
fuori la città fa a gara a chi ce l'ha più grosso;
sono freddi e insensibili gli uomini del mondo,
mi fanno troppa paura.
la giornata corre come una pendola ingiustificata
e io non so che fare con la poesia del mio cuore
se accettare che fluttui in questa pagina abbagliante
o lasciare che si secchi come tutto il resto.
la poesia ti rende schiavo di cose
di cui faresti tranquillamente a meno
(tipo la bellezza o l'ordine)
e io non sono fatto per la poesia,
e non sono fatto neanche per la vita.
vorrei starmene nel mio letto per sempre
a guardare la tappezzeria bucata e le mura che cadono a pezzi,
e invece sono qui, davanti a questo schermo
a scrivere le banalità che sgorgano fuori
dalle fogne del mio cervello;
un pazzo, direbbe qualcuno
che ha capito che ciò che conta è essere persone a modo.
come dargli torto?!

 

2
2 commenti     5 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

5 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • vincent corbo il 07/08/2016 07:47
    Vorrei commentare questa poesia in un modo alternativo, elencando i versi che mi hanno coinvolto di più---i primi tre sono veramente interessanti e il settimo verso "sono freddi e insensibili gli uomini del mondo".
  • Vincenzo Capitanucci il 07/08/2016 06:18
    odore di fagioli e di bietole fredde.
    i moschini del vino sono figli di un Dio misterioso... due versi che dicono tutto..
  • silvia leuzzi il 06/08/2016 16:20
    Bello questo odore di fagioli e di bietole fredde, rende benissimo il senso di nausea per la vita che tutta la poesia esprime. Eppure i fagioli sono veramente buoni e bisogna saperli cucinare, così come le bietole. Così come i fagioli e le bietole è la vita, è una questione di spezie, di combinazioni di sapori che vanno sperimentati senza paura, quella paura che ha la P maiuscola, quella che vuole il potere occulto, il grande fratello, che opprime togliendo luce ed energia, lasciando corpi vuoti e flosci e menti spente.
    Bellissime immagini e bella poesia ciao Ferdina'
  • Rocco Michele LETTINI il 06/08/2016 13:16
    STRAORDINARIO VERSEGGIO MAGISTRALMENTE CORREDATO...
    LIETA GIORNATA.
    *****
  • Gianni Spadavecchia il 06/08/2016 09:27
    Poesia molto affascinante. Non sei fatto per la poesia, nè per la vita.
    Ma secondo me sei ottimo in entrambe.

2 commenti:

  • loretta margherita citarei il 08/08/2016 08:11
    non mi piace che tu ti denigri, non hai fogne nel cervello
  • chromocarme il 07/08/2016 23:08
    È assurdo, sembra l'abbia scritta io questa...
    Hai scelto una vita che non ti appartiene e non sai come uscirne.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0