accedi   |   crea nuovo account

Vento di marzo

Ti portò da me
il vento di marzo
e sulla mia nuda terra
esplose la primavera
con fiori e rami di pesco.

Tu mi ridestasti
come il principe
la bella addormentata

e i tuoi freschi baci
tolsero dalla mia bocca
l'amaro pezzo di mela avvelenata

quel sottile dolore
di antiche delusioni
che a lungo mi tennero
nel torpore.

Fosti per me
sangue e passione
linfa vitale a nutrire
il corpo e il cuore.

Eppur se ti ho perduto
ancor sogno
di riaverti,
grida la mia speranza
per la tua attesa.


Tu venisti a me
con il vento di marzo
fosti rondine e nube
ragione di vita e di morte.

 

2
0 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 08/08/2016 14:36
    UNA PRIMAVERA NELLA STRAORDINARIETA DEI TUOI SEMPRE ESPRESSIVI VERSI.
    *****
  • Antonio Tanelli il 07/08/2016 11:25
    Vera poesia, scritta con bravura e forse con pezzo di cuore perso... complimenti.
  • Vincenzo Capitanucci il 07/08/2016 06:34
    Ti portò da me
    il vento di marzo... fosti rondine e nube.. ragione di vita e morte..

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0