username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Dio se la ride

prendo l'auto in direzione San Filippo e
osservo le nuvole disegnare volti bizzarri.

il fantasma dell'Amore è migrato
in territori più resistenti di un femore di ferro.

tutto è slabbrato,
adesso.
la sensibilità fuggita via
come una pendola malevola,
il desiderio morto.
duemilasedici anni dalla dipartita del signore
e non c'è più musica per le nostre orecchie,
solo una strada tangenziale che si rovescia al sole
come un ubriacone
(chilometri di polvere e asfalto appiccicoso
lineari senza un perché).

mi fermo in una piazzola di sosta
accendendomi una sigaretta e buttando giù
gin da 6 euro.
qualcosa più grande di un miracolo
passeggia ingigantito nei freddi corridoi del mio cervello:
sono le parole,
è il suono,
quella specie di vaga melodia che fece
ammattire Hemingway più di sessant'anni fa.

penso ancora a Meursault e a Roquentin,
alla pulizia delle strade e al sole d'Agosto;
alla fisiognomica, alla poesia crepuscolare,
alle fogne, a una sega;
e le parole vengono fuori
come dannate formiche Dorylus
e la musica inonda le frequenze della mia testolina mediocre
come una cascata.

imbraccio la penna
-il fucile di noi timorosi-
e butto giù questa poesia
con la facilità
con cui il culo espelle uno stronzo.

distrattamente,
sopra le nuvole,
Dio
se la ride
aspettando
il capitolo successivo.

 

3
0 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Alain il 10/08/2016 13:16
    Non sono certo un critico, ma per me è un'opera bellissima.
  • Antonino R. Giuffrè il 10/08/2016 11:34
    imbraccio la penna
    -il fucile di noi timorosi-
    e butto giù questa poesia
    con la facilità
    con cui il culo espelle uno stronzo.

    Questa strofa è semplicemente geniale.
  • vincent corbo il 10/08/2016 07:13
    Una grande opera, che si poggia su un precario e irrequieto equilibrio. Ti confesso che non conoscevo le formiche Dorylus, sono veramente brutte.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0