accedi   |   crea nuovo account

Di te nulla mi fugge

Potrebbe forse fuggire
il tuo viso di carne.
Potrà forse fuggire la tua mano
di carne, il tuo corpo di carne.
Vorrà forse fuggire un ricordo ma
io lo tengo ben stretto, sai.
Tu sei ben salda, dentro di me
Potrebbe forse voler fuggire
il tocco di carne del tuo respiro,
lo sguardo di carne dei tuoi occhi bellissimi.
Vorrebbe forse volar via nel vento
il sorriso tenue e dolcissimo, e tenero,
della tua bocca di carne.
Ma non sfuggirà mai da me,
e non è avverbio abusato,
l'Essenza di quel che tu, così bella, sei.
Complice mi è il vento
cui affido la mia voce che va
cercandoti ovunque.
complice mi è la notte
quando la Luna trasforma
in luce di cristallo le infinite stelle.
Tu sei il miracolo dell'Amore
che nasce dalle lacrime
quando il freddo le trasforma in brina.
Tu sei la Potenza della Vita
che si cela come bimba timida
dietro un tenue petalo.
Ed io Ti Amo e mai smetterò
e non è avverbio abusato.
Io ti Amo, mio gioiello e mia gioia,
e ti Amo ovunque perché è così
che io ti Amo.
Nell'ombra che scende al calar del Sole
nel caldo forte dell'estate
o nel freddo gelido dell'inverno.
Ti Amo. E ti sogno.
Tu abiti i miei Sogni.
Vivi dentro i miei Sogni.
E sei il Sogno mio più bello.
Ti Amo, ecco,
nelle colorate nebbie dell'autunno
nella triste solitudine
di un faro, che pur dona.
Nel volo degli uccelli; nel vento impetuoso.
Nelle Maree, io ti Amo.
Ti Amo in campo fiorito e nella fertile terra.
Ti Amo nel profumo di una rosa,
lì abiti tu, dove io ti risucchio di continuo
per farti scendere in me,

12

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0