PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Pinocchiata

Non è altro,
de lo mastro cuoco,
una de le sue basi,
co farina, mentuccia, lievito
e no poco de fantasia.

Lo tutto se impasta,
se fa crescere
e poi se stende,
e con esse pizzette
su olio bollente se danno.

Se ponno già magnà così,
ma che mastro sarebbe
se le lascerebbe
senza no bono condimento?

 

0
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 16/08/2016 14:03
    Un ragionevole verseggio forte del suo riflessivo sequelar...
    *****

2 commenti:

  • maria angela carosia il 16/08/2016 22:16
    Giusto, ma che mastro sarebbe...? Molto bello davvero, questo tuo stile
  • silvia leuzzi il 16/08/2016 14:08
    Davvero ottimo questo verseggio su cuochi, cotture, pizze e maestri. Ciao Don

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0