PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Paradiso negato

il lasciapassare è negato.

il mio culo paffuto giace
in una melma inconsistente
come crema di fagioli.

le donnone del Nord sono
rose in un giardino botanico,

l'Australia è un cantico leggero;

ciò che tento di dire è che
non ci sono donne
nella terra polverosa del deserto di me stesso
e gli orizzonti sono sogni dimenticati
e le prospettive calendule rotte.

eppure il mio passato
STRABORDA
di illusioni fatte a zucchero filato:

qualcuno li chiama sogni,
qualcuno diserzioni alla chiamata di leva.

io li chiamo anticipi verso
il sopraggiungere doloroso
della notte.

 

3
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Antonio Tanelli il 18/08/2016 15:51
    Sempre intense, quasi sofferte... molto bella.
  • Vincenzo Capitanucci il 18/08/2016 07:25
    ciò che tento di dire è che
    non ci sono donne (anime )
    nella terra polverosa del deserto di me stesso.. paradiso negato.. paradiso negato.. accesso negato.. password dell'io.. errata..

1 commenti:

  • Gianni Spadavecchia il 18/08/2016 09:22
    Ognuno li chiama in modo diverso, ma solo tu puoi darne il giusto significato.
    Bella chiusa.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0