username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Verso la libertà

Ti voglio fottere il culo
ricamarti d'oro e d'argento
il corpo da satiro
mentre il sole bacia
le acque del grande lago
tra boscaglia fitta e esotica
tra grida isteriche e soffocate,
tra divieti e canne.

Voglio colpirti forte
al centro del cuore
farti ansimare,
infonderti calore.

Perché non ci sono più regole,
non ci sono più ruoli
solo corpi caldi
e nuovi e vecchi amori.
E perdere la testa
rilasciare umori
fare esplodere un'epifania
dentro,
lasciarsi andare
e approdare da qualche parte.
Infliggersi la violenza dolce
e venire verso la libertà.

 

2
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • vincent corbo il 23/08/2016 10:37
    I tuoi versi sono liberi come la libertà... come dovrebbe essere per tutti i versi di tutti i poeti.
  • Antonino R. Giuffrè il 23/08/2016 10:01
    ... e già.. "venire" verso la libertà...

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0