accedi   |   crea nuovo account

Il canto del cigno

Guardai il cielo
di nuvole stanche scolpito
in attesa
che un vento borioso
e deciso
le soffiasse più in la.

Che s'aprisse d'immenso
tingendo quel telo
sfumando quei nembi d'azzurro
esplodendo di sole
e di luce.

Ma non venne
e le nuvole si strinsero
a branco, come lupi famelici,
minacciose
e scacciarono via
anche il poco chiarore
rimasto

mentre apparivano
come lame taglienti
dei riflessi di luce
che saettando
sembravano affettassero
il cielo scomparendo
per incanto

lasciando

come un urlo un boato
che scuoteva il silenzio
in un vibrare crescente
nel tintinnare dei vetri.

Arrivò l'acqua, gocce come
acini d'uva trasparenti
che man mano ingrossando
disegnavano cerchi rimbalzando
nel vuoto.


Addio estate.

 

2
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • frivolous b. il 24/08/2016 19:33
    Bellla... semplicemente bella!!! Applauso!
  • Rocco Michele LETTINI il 24/08/2016 10:59
    ADDIO ESTATE...
    ESPRESSIVAMENTE CHIARO NEL TUO SCORRERE POETICO...
    IL MIO ELOGIO E LA MIA LIETA GIORNATA.

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0