username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Le tue mani d'oriente

Le tue mani d'oriente
mi massaggiano il culo,
sono mani sapienti
che sanno di hammam.

I tuoi abiti lerci
tradiscono la nobiltà delle tue mani.

Sorprendi questa sonnacchiosa giornata di sole,
di fine estate, giocando con i miei capezzoli,
ridi sotto i baffi
perché noti, soddisfatto, che mi stai soddisfacendo.

Tutto all'improvviso ci ritroviamo
in un campo di granoturco!
Le nostra nudità a confronto.

Le nostre lingue parlano una lingua diversa
ma i nostri corpi no.

Addosso, sulla mia pelle, la tua bava
e sulla mia schiena un bacio di furia
prima di scappare via.

 

2
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Antonino R. Giuffrè il 25/08/2016 11:17
    ... spero almeno che non si sia verificato sul solito treno
  • vincent corbo il 25/08/2016 07:09
    Poesia piena di immagini e colori, suoni conturbanti. Un vero capolavoro di sensualità.

1 commenti:

  • frivolous b. il 26/08/2016 11:56
    Il granoturco cresce sui treni?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0