username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Dov'ero io

Domande angosciose
s'incrociano pressanti
ad ogni catastrofe:
perché Lui l'ha permesso?
Perché loro e non altri?
Inflessibile il dito
s'alza verso il cielo
in segno d'accusa.
Non scarico su Dio
la colpa d'ogni cosa.
Coltivo nel cuore
un umile pensiero:
dov'ero allora io
quando Lui poneva
le fondamenta della terra?

 

1
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 27/08/2016 07:46
    nel Suo Grembo... come un primo e umile fondamento della terra..

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0