username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

L'omo nero

Me possino cecà se so sincero!
Me vonno fa passà pe l'omo nero.
Quello c'a notte spaventa i sonni altrui
sbucanno da li spazi bui.
E 'nvece nun so io ad agità
a mente de chi vole riposà,
me fa paura puro l'ombra mia
e pe dormì 'na camomilla e via!
Va bene che nun sono morto bello
somijo più che artro a 'nravanello
ma nun te po' terorizzà
er pinzimonio co l'ojo da gustà !
Se proprio ve dovete da curà
l'insonnia, l'ansia che ve fa agità
prima date 'nocchiata co pazienza
a quello che l'arti chiameno : Coscienza.

 

0
1 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • AlfaCentauri il 15/09/2016 12:24
    a 'nravanello (a un ravanello)
    a 'n ravanello

    'nocchiata (un'occhiata)
    'n'occhiata

    ... ce sarebbero artri refusi da coregge ma nun me và!
    cmq nell'inzieme... passa!!! CIAO
  • vincent corbo il 28/08/2016 07:14
    In effetti dovrebbe far paura l'omo bianco... con i versi ci sai fare. Buona domenica.
  • Rocco Michele LETTINI il 27/08/2016 12:30
    UN ESPRESSIVO VERSEGGIO IN PIACEVOLE VERSIONE VERNACOLO.
    SERENO FINE SETTIMANA.
    *****
  • andrea il 27/08/2016 10:04
    quanta verità caro amico, quanta...

1 commenti:

  • silvia leuzzi il 27/08/2016 22:29
    Ma guarda 'n po' sto Circasso che se diletta a raccontacce in romanesco le verità profonne dell'umanità.
    Avrò scritto bene? Boh! Mica so romana ahahahhahahhh ciao Nino

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0