accedi   |   crea nuovo account

Saggezza

cosa è stato quel vecchio vaneggiare
se non un anticipo verso la saggezza cristallina?
la mia gola sputa parole strazianti
e le mani afferrano il cuore
per non lasciarlo morire.
la mia gola beve dal calice della mitomania,
liquidi come sperma
s'insinuano fin dentro la trachea
lobotomizzando la Verità.
tutta la saggezza si riduce a mera chiacchiera
per il puro fatto di essere vivi e umani.
non è presunzione letteraria
ma calcolo incontrovertibile della matematica.
la porta cigola come una bestemmia
e l'eco di Dio risuona tagliando in due
lo spazio del mio dolore.
Dio non parla all'uomo,
il saggio non ha voce,
soltanto occhi.

 

0
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Nicola Lo Conte il 03/09/2016 19:06
    Bella, ma piena di sofferenza, che stride con la ricerca della pacatezza tipica della saggezza.

1 commenti:

  • silvia leuzzi il 30/08/2016 20:11
    Molto interessante questa tua poesia, allucinata nelle immagini, davvero " acchiappanti ", spietatamente vera. Very good

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0