PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

In campagna a guardare il tramonto

amaranto cielo di murena
solo il profumo della pietra
conserva ricordi primigeni;
i treni d'erba azzittiscono l'infelicità
mentre un escremento mostra il suo
muso fertile ai venti
- nuova vita
che aspetta adesso di vedere
la luce.
ho tanto sognato di piogge e di Cristo
mentre il caldo torrido mostrava
la sua forza
con il fervore della furia,
adesso sudo
sotto la stupida e insensibile roccia
e ripenso agli anni verdi della mia giovinezza
quando tra i campi s'intravedevano
i balenii di un'acerba speranza.
sudo e mi dimeno,
tutte le cose imperturbabili,
la fredda pannocchia e l'albero senza frutti
come nella mia stanza,
accessi ingovernabili in un mondo spaventoso,
come in autostrada o al bar
dove l'indifferenza è solo una pallida difesa
per stare al mondo.
ora il cielo comincia ad imbrunire
e i pipistrelli escono goffi dalle loro tane
mentre io
abbandonato a un destino incerto e doloroso
accendo una sigaretta cattiva come la vita.

 

1
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Gianni Spadavecchia il 05/09/2016 12:46
    Il titolo sembra invocare un gran senso di tranquillità. La poesia invece presenta i nostri problemi interiori, i problemi nello stare al mondo ed accettare la vita. Molto bella.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0