accedi   |   crea nuovo account

Donna di plastica

Labbra troppo pronunciate
spingono verso
il basso
i livelli di sensualità

le viene meno
la capacità
d'accettarsi
d'adattarsi
di riconoscersi
di piacersi
con le sue brame
nel deformante specchio
della realtà

inietterà autostima
con massicce dosi
di botulino
per una pelle levigata
al bacio
con retrogusto di pesca

aspirerà inestetismi
con frammenti
di perduta dignità
come tessere
d'un antico mosaico
venduto al mercato nero

donna di plastica

spesso esiterà
nel balletto
a braccetto col tempo
galante ladro
che sottrae diottrie
nella graduale cecità
di questa composita beltà

si compiacerà
delle curve simmetriche
degli artefatti seni
innestati da griffate mani
come capricci d'alta moda
sulla passerella della celebrità

splenderà sotto il sole
sotto i riflettori
il suo ombelico
da favola
lontano anni luce
da quello del mondo
con l'anima narcotizzata
in uno stato di vita apparente

 

1
0 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • silvia leuzzi il 05/09/2016 23:26
    Caro Antonio mi trovi sicuramente d'accordo sul fatto che le donne, così come gli uomini, che come tanti Dorian Gray, affidano nelle mani del demonio illusorio dell'estetica, la loro pochezza di spirito, che non li fa andare oltre alle apparenze, tal quale è il corpo. Permettimi però di spezzare una lancia verso quelle donne di plastica, vittime di una visione fallocentrica della loro esistenza, in cui piacere agli altri e a se stesse, non è altro che un prodotto di uno stereotipo imposto subdolamente. La vecchiaia spaventa più di quanto non si pensi e spaventa tutti uomini e donne, bisogna saper evitare gli specchi e vedere il proprio corpo con gli occhi di una mente sempre lucida e sognatrice e amante dell'infinito sapere. Un abbraccio a rileggerci
  • Gianni Spadavecchia il 05/09/2016 12:44
    La poesia racchiude una grande verità ed è scritta, secondo me, in modo eccellente.
    Il non sapersi accettare a volte implica un'insicurezza che cerchiamo di colmare.
    Apprezzatissima.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0