accedi   |   crea nuovo account

Ai traditori

Io vo pe' vie sperse,
fra falsi abbracci
e saluti mosci,
trovandomi poi
in una selva
senza luna né stelle,
ove se scovano
li luminati,
ne la schiena
a piantar l'arma.

 

0
3 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Antonio Pani il 08/09/2016 08:05
    Bellissime parole e ottime immagini in questa tua, che racconta di una "scoperta" / "evidenza" non proprio gradevole. Mi è piaciuta, complimenti. A rileggersi, ciao.
  • Rocco Michele LETTINI il 08/09/2016 04:52
    UNA AUTODEDICA CHE TI INQUADRA FEDELMENTE PER QUANTO SOPPORTI... PER QUANTO SUBISCI... PER QUANTO PATISCI.
    SEMPRE ESPRESSIVI VERSI DON...
    LIETA GIORNATA.

3 commenti:

  • maria angela carosia il 09/09/2016 13:12
    Molto sentita Don. Un saluto caro
  • Don Pompeo Mongiello il 07/09/2016 15:04
    Ho scritto luminati e non illuminati, per indicare quelli che vanno con il lumino, e molto probabilmente non hanno visto questo mio volto e non hanno letto le mie di partenza e di arrivo.
  • silvia leuzzi il 07/09/2016 14:02
    Chi sarebbero i luminati? Qui magari siamo folgorati, caro e simpatico Don, che ci delizi con i tuoi versi.
    Un abbraccio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0