PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il peperoncino

Me domannavo... l'avete mai provato
er vero peperoncino... de Soverato?
Quello rosso a mo di ciliegina
o piccolo arcuato come a 'na spina?
Se dice che un giovane pastore
dovenno pascolà pe molte ore,
pe pranzo se fosse portato
'n po' de pane coi peperon guarnito.
Diceva che sto frutto a molti inviso
te facesse vedè er paradiso,
co artri cibi bene combinato
era delizia per il su palato.
Anzi arivò perfino a dirmi
che uccideva nella panza i vermi!
Pensanno a questo alfin s'appisolò
sotto 'nulivo e poi s'addormentò.
'N lupo bucaniere e 'n po' codardo
pe via de pecore trovannosi passanno,
je frega a colazione a quer balordo
e se ne scappa in fretta sghignazzanno.
Se sveja allora er giovane pastore
E vede er lupo, ma nun je va de core,
quello lo guarda come fosse 'n pollo
e je fa pure er segno dell'ombrello.
Magnete tutto, disse er poveretto,
quello che c'è dentro a quer sacchetto.
T'o dico con un granne orgoijo
solo che poi... a cacar te vojo!

 

1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 13/09/2016 12:59
    HUMOUR DA MAESTRO... NEL TUO SATIRICO VERSEGGIAR...
    DAL DISTICO DI CHIUSA... PIU' DI UNA INDICAZIONE.
    IL MIO LIETO MERIGGIO.
    *****

2 commenti:

  • vincent corbo il 14/09/2016 06:16
    Simpatica e gradevole.
  • silvia leuzzi il 13/09/2016 11:59
    AHAHAHAHH sempre simpatiche le poesie del mio amico Nino

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0