accedi   |   crea nuovo account

Morte

Esistono solo due grandi certezze,
la vita e la morte.
Molti vivono in povertà ed altri in ricchezze,
ma non si sfugge alla fine del ciclo, alla sorte.
Possiamo soltanto decidere come occupare i nostri giorni,
per ricordare ogni momento e non cancellarlo dalla testa.
La vita è fatta di tante attese, dolori, abbandoni e ritorni,
ma poco importa ciò che passa, importa quel che resta.
Alla fine siamo tutti destinati ad andarcene, a morire,
quindi costruiamo ricordi e nutriamoci di sogni.
In modo che, una volta che non ci saremo più, nessuno avrà da ridire,
eliminiamo dalla mente vizi e sfizi, occupiamoci dei nostri bisogni.
Perchè quando la morte arriverà dovremo essere in parte pronti,
per quanto possibile nessuno dovrà soffrirne,
perchè la verità è che la fine non fa sconti.

 

l'autore Gianni Spadavecchia ha riportato queste note sull'opera

A mia nonna, deceduta il 13/09/2016


0
0 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 15/09/2016 17:54
    IL MIO ESSERTI VICINO... PER LA PERDITA DELLA TUA ADORATA NONNA...
    UN VERSEGGIO SENTITO ET... MESSAGGERO PER QUANTO DI VERO TRASMETTE.
  • Don Pompeo Mongiello il 15/09/2016 16:30
    Innanzitutto le mie più sentite condoglianza, poi un vivo apprezzamento per questa tua nobile e bella.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0