PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il vaso di Rubin

Non date retta alla mia noia
in cerca di vie sempre
libere dal tempo
e quando
trova
l'ora
il
minuto
fuggito alla
spensieratezza
le sembra un secolo
costruito con l'animo più
ardente che abbraccia il deserto


fragile coppa in cerca di quei visi
che da sempre sono lì basta vederli
scambiando le parti
per uno spazio che prima non c'era

Ho paura?
Sì, forse di questo prendere tutto
Sì, forse di quel cedere tutto
Anticipo lieve di un tempo
che crea la danza
tutt'intorno
cinge la nostra lingua
con molte radici
ma senza parole.

 

1
0 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 19/09/2016 04:15
    Hai stilizzato il tuo magistrale verseggio a forma di una brocca... per contenere l'elisir che sollevi da quanto tu hai diagnosticato con arguzia professionale...
    Serena settimana Roberto.
    *****
  • Vincenzo Capitanucci il 18/09/2016 06:29
    Ho paura?
    Sì, forse di questo prendere tutto
    Sì, forse di quel cedere tutto
    Anticipo lieve di un tempo
    che crea la danza
    del tutt'intorno...

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0