accedi   |   crea nuovo account

La fine del buono

A la belva 'ngrata a la fin volgendosi
disse: "Statte zitta armeno vipera!"
da l'orrendo sciocco ripresosi.

Da sutta la petra cavata l'avea
strusciandogli 'ntorno irriconoscente
essa a la caviglia morso l'avea.

Niuno ne li paraggi spersi fuit
lo veleno lo sangue rapido 'volse
e la fine imminente fuit.

 

0
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 19/09/2016 04:18
    Oculate quanto diligente terzine firmate straordinariamente.
    *****

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0