PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Insonnia

ora, il fugace mugolare del cane aggredisce
la mia insonnia
costringendomi a desistere,
tutto il dolore è tangibile, divenuto
cosa concreta
e curvo la mia schiena sino a toccare
il soffice cotone delle lenzuola,
ovunque volga il mio sguardo
vedo solo fantasmi di vita vissuta,
storie fattesi ingombri,
e la luce del sole è un miraggio grande quanto
una missionaria
e studio i miei piedi come una cartina geografica,
alzo e riabbasso la caviglia,
la muovo circolarmente nella luce fioca della luna,
le mie idee sono del tutto assenti,
questa poesia è la resa
del cadavere di una mente.

 

1
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 19/09/2016 04:34
    FEDELE DIZIONARIZZAZIONE DE L'INSONNIA FIRMATA CON ARGUZIA.
    SERENA SETTIMANA.
    *****

1 commenti:

  • Luigi Lucantoni il 18/09/2016 14:53
    interessante, anch'io ne scrissi una sull'insonnia anni fa

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0