username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Le meduse

Voi saprete sicuramente,
Voi vedrete,
Noi che come esploratori delle vette per noi,
Più alte,
... la paura!

C'era una volta,
Uno spaccone dell'animo,
Uno che esaltava i rischi corsi sulla pelle altrui,
Bianco come la luce!
Aria come l'aria,
Poi quattro sillabe e un'intenzione lo distruggono,
Il tempo passa,
Lui muore,
Muoiono tutti,
Fine della storia.

Uova di emu e dentro uova di vetro,
Mari infiniti e blu,
Spiagge finissime,
Uomini pericolosi
E desideri invisibili, indivisibili.

ma voi vedrete altri orizzonti,
Per voi non sará più la vita
L'incessante camminare per cadere giù dalla rupe.

Vollero direte,
Uscire fuori dalle membra,
Per cominciare a volare.

sensazioni che ti fanno sentire piccolo piccolo,
E il vuoto,
E quella sinfonia che è il Noi,
Questo lo vedrete ancora,
Dai pensieri che creano mondi,
vuotizzati per una passione,
Resi vivi e incarcerati,
sperduti nei labirinti e il niente,
E nelle traiettorie attorno alle stelle,
Le porte che varcavo e dicevo io cercando altre porte
Tante risate,
Suoni amari che battono in petto,
Mentre paghi i prezzi della vita.

Nostalgia, la canzone del tempo che passa,
Invidia, il libro dell'esclusione.
Istanti, respirati a bocca aperta, che ti fanno tremare le gambe,
Quando ti accasciano al suolo.

Clarinetti del buio.
Vene di montagna.

Lettera al futuro.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0