PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Temporale

il suono di un temporale riecheggia come un allarme
e gli alberi di cachi si piegano sotto la pioggia
e guarda, adesso tutto ha un senso,
la gola bruciata dal caldo caffè o l'amore per le cose fragili,
il sogno del ragazzo emarginato che si guarda allo specchio
e vede solo una statua di dolore;
tutto riluce in una calda musica.
vorrei spogliarmi dei miei abiti convenzionali,
defraudare la mia coscienza della sua rigidità,
vorrei essere nudo sotto questo cielo di Settembre,
nudo come il canto della ragazza che si spazzola i capelli,
nudo come la mente d'Africa;
il diluvio lava le anime,
porta via il sozzume e la negligenza del cane arrabbiato;
adesso riderò del disastro come una bella bambina,
porterò fuori da me la pesantezza, il piombo, la gravità.
senti la pioggia: richiama con voce tenue
il mondo a una sua compostezza,
sembra di vederlo, Dio, che avvilisce le cose
prima del riposo.

 

0
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 22/09/2016 08:28
    Molto apprezzata e piaciuta questa tua bellissima.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0