accedi   |   crea nuovo account

Circo

Io ormai questo circo non lo reggo più,
con tutti i suoi sorrisi e gli scherzi,
con tutti i suoi innocenti ricatti,
con tutte le sue false aspettative.
Non sopporto l'idea di non averti accanto
e di poter attingere alla tua forza per rinascere.
L'araba fenice è crollata in un mare di vomito,
pezzi di carta e parole di vetro.
Le tende saranno tolte, lo spettacolo continuerà.
Ma non farò più la mia parte, troppo scontata,
troppo per me.
Non mangerò più gallette di riso alla tua ombra,
né piangerò nell'angolo della sconfitta.
I mostri dentro me hanno vinto
non sono stati sepolti da nuvole di fumo di sigaretta.
Tutto contro sempre, ma ora non più.
Il circo lascia la città e anche io,
ma in direzione opposta.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0