accedi   |   crea nuovo account

Il mio cane

il pelo fulvo del mio cane
cade sul divano, irritandomi.
lui giace là, così distante
dalle faccende umane,
abbassa e rialza la zampetta
con fare annoiato.
io lo guardo,
è come recitare una preghiera
nella mente,
si dimena, sbadiglia,
il naso umido sembra
aver fiutato qualcosa;
sta là
e non ha paura del mio giudizio,
non ha paura di nulla
in questa casa,
niente lo tormenta.
una mosca si posa
sul bracciolo,
lui la vede,
la caccia,
con innocenza.
io sono un ingombro,
adesso.
sono l'intruso.
il mio cane mette
la testa sotto il cuscino;
dormirà per dieci ore,
senza badare a niente.
c'è molto da imparare
da un cane.

 

2
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • pasquale radatti il 25/09/2016 17:51
    È la somma descrizione del comportamento del cane, descritta
    con dovizia di particolari.
  • Gianni Spadavecchia il 25/09/2016 17:48
    Vero, dai cani c'è da imparare tantissimo.
  • carolina verzeletti il 25/09/2016 11:16
    Anche questa tua poesia mi piace molto, mi piace il tuo stile.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0