username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Se di morire insieme non se ne parla mai

Quel poco che c'è di buono,
non ti preoccupare, anche a piedi nudi
so riconoscerlo lo stesso;
anche se è peccato e domani
mi sveglierò con un mal di testa atroce.
Tra lo specchio che mi rincorre a vuoto
e una fontana dalla testa curva
che sputa acqua senza badare al buio,
col freddo che è solo una patina grigia,
conti le ore su una panchina mezza sfatta
e poi ti sudano le mani.
Manca la vernice sai, un pezzo di schienale
e i bambini che non la finiscono più
di gridare che è ancora giorno.
Non badare alle anime nere,
concentrati sui dettagli;
qua si mangia seduti nei vicoli tutti insieme,
come fosse estate, coi camerieri che
fanno avanti e indietro e sorridono ai tavoli.
Un filo di vento, cosa vuoi che sia,
se dall'alto la statua del vescovo ci sorveglia ancora.
Salvati tu, vorresti dire,
guarda se là fuori c'è ancora tempo,
non indugiare oltre su queste chiacchiere amare,
taglia le foglie secche, scavalca il dolore.

Un accidenti di stimolo che corre sui tetti,
insieme ai piccioni più pesanti,
e fa un buco da qualche parte,
perché così sta scritto da sempre.
Non importa quanto lontano
sia il cimelio che nascondi,
la stanchezza delle luci che hai spento
ti penetrerà nelle ossa mille volte ancora,
e tu da pazza la scambierai per salvezza eterna.
Una brutta caduta che suonerà lo stesso
la mattina presto, sopra l'aroma del caffè e lo smalto,
come un dolce richiamo frutto dell'estasi
di un vecchio secolo di malinconia.
E ti chiederai perché hai aspettato tanto
se la prova dell'innocenza nostra
è sempre rimasta a sussurrare lassù,
col collo mezzo storto a far compagnia
ai barattoli di marmellata
e alle cianfrusaglie che chiami casa.
La delusione più atroce è già nuova vita,
me lo dicevi sempre. Anello che bacia anello,
se di morire insieme non se ne parla mai.

 

2
0 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ferdinando il 06/10/2016 06:02
    splendida... complimenti.
  • Rocco Michele LETTINI il 26/09/2016 07:12
    Un riflessivo... quanto esaustivo decanto.
    Serena settimana Salvatore.
    *****

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0