username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Non sono più io

sono un cavallo di Bruges imprigionato
tra mura di concetto,
giovane come l'Italia,
ma vecchio mille anni e più
e il trotto legato ad una corda
mi limita,
la forte zampa muove lo zoccolo dentro distese recintate,
guardo le case e le montagne rigogliose
al di là del muro
e io non sono più io.
sono quel vento gelido che gli si insinua nelle ossa
al direttore,
i suoi occhi sono fermi e le sue mani
contano soldi e minuti;
sono la nuvola di cotone, ora gialla ora blu,
che vagando si disperde in mille storpie figure
(sembra la testa di un asino o un bambino supino
con le braccia che indicano il cielo);
sono la vasta linea che sancisce l'orizzonte,
al di qua giacciono cose mediocri,
cose legate alla corporalità,
si sente puzza e gli animali arrancano
con pesi da portare,
oltre regna la pulizia, mani pure trasportano
pensieri puri in pure pagine bianche,
è il regno di Verlaine e Montale e di Vincent Corbo.
poi come un'antica mistica che si sveglia dal torpore
muovo le mie mani umane in cerca di un gingillo;
le mie mani toccano l'accendino
con famelica voglia, toccano forchette
e carta igienica e mammelle,
la condanna a un esistenza bieca
molte volte sta nella fuga materiale del piacere.

 

1
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Antonino R. Giuffrè il 28/09/2016 14:26
    Per quanto sia bravo il nostro caro Vincent, mi sembra un po' azzardato accostarlo a Verlaine e Montale. A parte questa piccola forzatura, piaciuta come sempre nella sua cruda essenzialità
  • vincent corbo il 28/09/2016 09:17
    A meno che non esista un altro Vincent Corbo (doppelganger) mi sento onorato di stare al fianco di Verlaine e Montale. (insulsa formichina e giganti).

2 commenti:

  • Ferdinando il 28/09/2016 14:48
    Lo sport è lo stesso, i campionati sono chiaramente diversi... in realtà non voleva essere un paragone, ma un omaggio a Vincent per rappresentare il microcosmo del sito... grazie comunque a tutti per il passaggio.
  • frivolous b. il 28/09/2016 10:10
    Sublime e delirante degna dei più grandi maledetti, e di Vincent Corbo, ovviamente

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0