username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Volevo innamorarmi

Sei bella, fai proprio ar caso mio,
dissi, prima che a giovinezza me dicesse addio.
Ma alcune cose dovevano accadè
prima che questo capitasse a me.
Dovevi prima accogerte de me,
nun fu difficile, de omini ne faccio armeno tre!
Poi me dovevi fare un bel soriso,
in modo che io avessi condiviso
che c'era tutta l'attrazione
per questa nostra nuova posizione.
Ma tu ridevi proprio a crepapelle
come se te grattassero le ascelle.
Me dovevi fare avvicinà,
prennemme e mani, nun pe cosà
ma pe sentì sotto le mie dita
che sei pe me tutta la mi vita!
Nun fu possibile, però
avevi li parenti un po' retrò.
Come fare pe fasse amare
in una condizione si particolare?
E intanto tu ridevi sempre più
a ogni parola che buttavo giù.
Finché 'n amico assai formale
Me diede 'na notizia assai ferale :
'Nce sta co a testa a donna che piace a te.

sa solo ride, nun domannà perché.
Volevo innamoramme e fui distolto
giurai de riprennemme er maltolto
che 'ndò la trovi una come lei
che se ne frega de l'affari miei?
A lei le basta una battutina
pe ride da sera a la matina.
Che le voi quelle co li piagnistei,
che li problemi sono tutti suoi
che poi diventano tutti quanti miei
da trascinatte dietro con i buoi!
Volevo innammoramme d'una donna...
ma co a matta ogni conto torna!

 

0
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Antonino R. Giuffrè il 28/11/2016 10:16
    eh eh anche questa è fantastica, specie per i primi versi e la chiusa.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0