PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Mio padre

ora è un uomo maturo,
quasi vicino alla vecchiaia,
che parla poco
e ascolta molto.

siede sul divano
e guarda qualcosa
alla televisione;
ha lavorato tutta una vita
(e ancora lavora)
per guadagnare
notti di sacro riposo
e un brodo caldo
alla sera.

la sua coscienza non vacilla
e mai vacillerà.

a volte bisogna imbattersi
in uomini così
per capire
quanto ingiusta possa essere
la vita.

 

3
2 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • vincent corbo il 10/10/2016 10:09
    Una buona lettura per capire quanto ingiusta sia la vita.
  • silvia leuzzi il 09/10/2016 18:34
    un quadro spietato e vero dell'esistenza della maggior parte di noi, amico mio! Solo la poesia e la fantasia ci potrà portare quel vezzo di vita anche in tarda età, il resto sono gesti ripetuti all'infinito. Bellissima
  • Antonio Tanelli il 09/10/2016 09:28
    Parola di figlio. ottima riflessione, diretta senza troppi fronzoli.

2 commenti:

  • Gianni Spadavecchia il 10/10/2016 10:53
    Vero, vita ingiusta ma rassicurante. Ti dà un tetto su cui vivere, un letto e del cibo. La gente vera è questa.
  • loretta margherita citarei il 10/10/2016 04:47
    bella descrizione, ottima riflessione, complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0