username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Ottalogo teatrale

Il Teatro, lo sai, è duro
se non sei proprio maturo.

È una vita parallela,
un po' celia, molto seria.

Ti ci devi divertire
ma non è come giocare.

Recitare la tua storia
senza leggerla; a memoria.

Sempre il pubblico guardare,
mai le spalle devi dare.

Importante è ben parlare
ma si deve anche ascoltare.

Muovi il corpo e la parola
ti verrà fuori da sola.

Sempre attento devi stare
e non devi mai smollare.

Anche quando rider fai
sempre serio resterai.

E così lo spettatore
capirà che sei un attore.

 

0
1 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • silvia leuzzi il 08/11/2016 10:40
    un quadro sintetico di distici a rima baciata, dove il ritmo serrato trasmette l'ansia da prestazione di un attore, che poi è l'ansia di vivere da protagonisti sul palcoscenico della vita. Molto bella bravissimo Marcello
  • Rocco Michele LETTINI il 09/10/2016 12:12
    UN DILIGENTE OSSERVARE IN SUBLIMI DISTICI.
    LIETA DOMENICA MARCELLO.
    *****
  • Circasso il 09/10/2016 10:47
    Si può anche definire il decalogo del buon attore!

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0